Criteri ambientali minimi: novità dal MinAmb

Adottati i nuovi criteri ambientali minimi per gli arredi per interni, per l'edilizia e per i prodotti tessili, in sostituzione dei precedenti

Novità dal ministero dell'Ambiente sui criteri ambientali minimi. Il decreto del ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 gennaio 2017 (in Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio 2017, n. 23), nell'ambito del piano d'azione nazionale sul green public procurement (PANGPP), ha adottato i nuovi CAM per:

  • arredi per uffici;
  • affidamento di servizi di progettazione e  lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per  la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione edilizia e per i prodotti tessili;
  • acquisto di prodotti tessili.

I nuovi criteri aggiornano, sostituendoli, i precedenti.

Di seguito il testo integrale del D.M. 11 gennaio 2017, disponibile anche in pdf alla fine della pagina.

Ulteriori approfondimenti sui prossimi numeri di Ambiente&SicurezzaCLICCA QUI per leggere l'articolo in anteprima sulla banca dati (accesso riservato agli abbonati).

 

Decreto del ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare
11 gennaio 2017 


Adozione dei criteri ambientali minimi per gli  arredi  per  interni,

per l'edilizia e per i prodotti tessili. (17A00506)

in Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio 2017, n. 23

                        
                      IL MINISTRO DELL'AMBIENTE

                    E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

                             E DEL MARE


  Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., recante «Istituzione

del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale»;

  Visto il decreto  legislativo  30  luglio  1999,  n.  300,  recante

«Riforma dell'organizzazione del Governo, a norma dell'art. 11  della

legge 15 marzo 1997,  n.  59»,  ed  in  particolare  l'art.  35,  che

individua  le  funzioni  e  i   compiti   attribuiti   al   Ministero

dell'ambiente e della tutela del territorio;

  Visto il  decreto  legislativo  31  marzo  1998,  n.  112,  recante

«Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello  Stato  alle

regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge  15

marzo 1997, n. 59»;

  Vista la legge 27 dicembre 2006 n. 296, recante  «Disposizioni  per

la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello  Stato  (legge

finanziaria 2007)», e in particolare i commi 1126 e  1127,  dell'art.

1, che disciplinano  la  predisposizione  con  decreto  del  Ministro

dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare,  di  concerto

con il Ministro dell'economia e delle finanze, e  il  Ministro  dello

sviluppo economico, di  un  «Piano  d'azione  per  la  sostenibilita'

ambientale dei consumi nel settore  della  pubblica  amministrazione»

(PAN  GPP)  al  fine  di  integrare  le  esigenze  di  sostenibilita'

ambientale  nelle  procedure  d'acquisto  di  beni  e  servizi  delle

amministrazioni competenti sulla base  di  criteri  e  per  categorie

merceologiche individuati in modo specifico;

  Visto il decreto del Ministro  dell'ambiente  e  della  tutela  del

territorio e del mare del 18 ottobre 2007 - GAB/DEC/185/2007, che  ha

istituito  il  «Comitato  di  gestione  per  l'attuazione  del  piano

d'azione nazionale sul  GPP  (Green  Public  Procurement)  e  per  lo

sviluppo  della  strategia  nazionale  di  Politica   integrata   dei

prodotti», al fine di predisporre e dare  attuazione  al  citato  PAN

GGP;

  Visto il decreto interministeriale 11 aprile 2008, che ai sensi  di

citati commi 1126 e 1127, dell'art. 1, della legge 27  dicembre  2006

n. 296,  ha  approvato  il  «Piano  d'azione  per  la  sostenibilita'

ambientale dei consumi della pubblica amministrazione» (PAN GPP)»  e,

in particolare, l'art. 2 recante disciplina dei  «Criteri  ambientali

minimi», che prevede l'adozione di successivi decreti  del  Ministero

dell'ambiente e della tutela del territorio e  del  mare,  sentiti  i

ministeri concertanti, al fine di definire «gli  specifici  obiettivi

di  sostenibilita'  ambientale...»  per  le  categorie  merceologiche

indicate all'art. 1, comma 1127, della legge n. 296 del 2006;

  Visto il decreto 10 aprile 2013 del Ministro dell'ambiente e  della

tutela del territorio e del mare sentiti i  Ministri  dello  sviluppo

economico e dell'economia e delle finanze  con  il  quale,  ai  sensi

dell'art. 4 del D.I. 11 aprile 2008, e' stata approvata la  revisione

2013 del «Piano d'azione per la sostenibilita' ambientale dei consumi

nel settore della pubblica amministrazione»;

  Visto il  decreto  legislativo  18  aprile  2016,  n.  50,  recante

«Attuazione  delle  direttive  2014/23/UE,  2014/24/UE  e  2014/25/UE

sull'aggiudicazione  dei  contratti  di  concessione,  sugli  appalti

pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori

dell'acqua,  dell'energia,  dei  trasporti  e  dei  servizi  postali,

nonche' per il  riordino  della  disciplina  vigente  in  materia  di

contratti pubblici relativi a lavori,  servizi  e  forniture»  e,  in

particolare, l'art. 34 recante «Criteri di sostenibilita'  energetica

e  ambientale»  che  stabilisce   l'introduzione   obbligatoria   nei

documenti progettuali e di gara dei criteri ambientali minimi  e  che

ne disciplina le relative modalita', anche a seconda delle differenti

categorie di appalto;

  Visto il decreto 22 febbraio 2011 (supplemento ordinario n. 74 alla

Gazzetta Ufficiale n. 64 del 19 marzo 2011) con il quale  sono  stati

adottati i criteri ambientali  minimi  per  l'acquisto  di  «prodotti

tessili» e di «arredi per ufficio»;

  Visto il decreto 25 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale n. 220  del  21

settembre 2011) con il quale sono stati adottati i criteri ambientali

minimi per l'acquisto di «serramenti esterni»;

  Visto il decreto 24 dicembre 2015 (Gazzetta Ufficiale n. 16 del  21

gennaio 2016) con il quale sono stati adottati i  criteri  ambientali

minimi per l'«affidamento di servizi di progettazione e lavori per la

nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici per  la

gestione dei cantieri della pubblica amministrazione»;

  Visto il decreto del Ministro  dell'ambiente  e  della  tutela  del

territorio e del mare DEC/MIN/247/2016 del 21 settembre 2016  che  ha

modificato e integrato i componenti del Comitato di gestione;

  Preso atto che, in ottemperanza a quanto disposto dal citato art. 2

del decreto  interministeriale  11  aprile  2008,  con  note  del  22

novembre 2016 protocollo CLE n. 9388  e  n.  9391  e'  stato  chiesto

rispettivamente ai ministeri dello Sviluppo economico e dell'economia

e delle finanze di formulare eventuali osservazioni ai documenti  dei

criteri ambientali  minimi  per  la:  «fornitura  e  il  servizio  di

noleggio  di  arredi  per  interni»,  l'«Affidamento  di  servizi  di

progettazione e lavori per la nuova costruzione,  ristrutturazione  e

manutenzione  di  edifici  pubblici»  e  le  «Forniture  di  prodotti

tessili»;

  Considerato che con nota del 2 dicembre 2016 n. 137966 il Ministero

dell'economia e  delle  finanze  ha  comunicato  che  non  sussistono

osservazioni ai documenti in questione;

  Considerato che, entro il termine indicato nelle citate  note,  non

sono pervenute ulteriori osservazioni rispetto a quelle rappresentate

durante i lavori di definizione di  tali  documenti  da  parte  degli

esperti del Ministero dello sviluppo economico;

  Considerato che le indicazioni contenute nell'allegato  2  «Criteri

ambientali minimi per l'acquisto dei serramenti esterni»  al  decreto

ministeriale del 25 luglio 2011 sono  da  ritenere  superate  perche'

assorbite nei criteri ambientali minimi per l'«Affidamento di servizi

di progettazione e lavori per la nuova costruzione,  ristrutturazione

e manutenzione di edifici pubblici»  oggetto  del  presente  decreto,

come specificato nell'allegato 2;

  Visti i documenti tecnici allegati al presente decreto, relativi ai

criteri ambientali minimi per la «fornitura e il servizio di noleggio

di arredi per interni», l'«affidamento di servizi di progettazione  e

lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e  manutenzione  di

edifici pubblici» e le  «forniture  di  prodotti  tessili»  elaborati

nell'ambito del comitato di gestione del PAN GPP  con  il  contributo

delle parti interessate attraverso le procedure di confronto previste

dal piano stesso;

  Ritenuto necessario procedere all'adozione dei  criteri  ambientali

minimi in questione;


                              Decreta:

                               Art. 1
               Adozione dei criteri ambientali minimi

  Ai sensi dell'art. 2 del decreto interministeriale 11 aprile  2008,

sono adottati i  criteri  ambientali  minimi  di  cui  agli  allegati

tecnici del presente decreto, facenti parte  integrante  del  decreto

stesso, di prodotti/servizi di seguito indicati per la:

    «Fornitura e il servizio  di  noleggio  di  arredi  per  interni»

(allegato 1);

    «Affidamento di servizi di progettazione e lavori  per  la  nuova

costruzione, ristrutturazione e  manutenzione  di  edifici  pubblici»

(allegato 2);

    «Forniture di prodotti tessili» (allegato 3),

che sostituiscono rispettivamente:

    Allegato 2 «Criteri ambientali minimi per  l'acquisto  di  arredi

per  ufficio»  del  decreto  ministeriale  del   22   febbraio   2011

(Supplemento ordinario n. 74 alla Gazzetta ufficiale  n.  64  del  19

marzo 2011);

    Allegato 1  «Criteri  ambientali  minimi  per  l'affidamento  del

servizio di progettazione per la nuova costruzione,  ristrutturazione

e manutenzione di edifici e  per  la  progettazione  e  gestione  del

cantiere» del decreto ministeriale del  24  dicembre  2015  (Gazzetta

Ufficiale n. 16 del 21 gennaio 2016) e Allegato 2 «Criteri ambientali

minimi  per  l'acquisto   dei   serramenti   esterni»   del   decreto

ministeriale del 25 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale  n.  220  del  21

settembre 2011);

      Allegato  1  «Criteri  ambientali  minimi  per  l'acquisto   di

prodotti tessili» del  decreto  ministeriale  del  22  febbraio  2011

(supplemento ordinario n. 74 alla Gazzetta Ufficiale  n.  64  del  19

marzo 2011).


                               Art. 2

                               Modifiche
  I criteri ambientali minimi verranno aggiornati, laddove opportuno,

in base all'eventuale  innovazione  tecnologica,  all'evoluzione  del

mercato   di   riferimento    nonche'    ai    risultati    derivanti

dall'applicazione del presente documento.

  Il presente decreto, unitamente agli allegati,  saranno  pubblicati

nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

                                                           Allegato 1

Piano d'azione per  la  sostenibilita'  ambientale  dei  consumi  nel

               settore della Pubblica Amministrazione
                               ovvero
   Piano d'Azione Nazionale sul Green Public Procurement (PAN GPP)

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER LA FORNITURA E IL SERVIZIO DI  NOLEGGIO

                        DI ARREDI PER INTERNI

Aggiornamento  dell'allegato  2  "Criteri   Ambientali   Minimi   per

l'acquisto di arredi per ufficio" del  decreto  ministeriale  del  22

 febbraio 2011 (supp. ord. n. 74 alla G.U. n. 64 del 19 marzo 2011)


              Parte di provvedimento in formato grafico

                                                           Allegato 2

Piano d'azione per  la  sostenibilita'  ambientale  dei  consumi  nel

               settore della Pubblica Amministrazione
                               ovvero
   Piano d'Azione Nazionale sul Green Public Procurement (PANGPP)

CRITERI  AMBIENTALI  MINIMI   PER   L'AFFIDAMENTO   DI   SERVIZI   DI

PROGETTAZIONE E LAVORI PER LA NUOVA COSTRUZIONE,  RISTRUTTURAZIONE  E

                  MANUTENZIONE DI EDIFICI PUBBLICI

Aggiornamento dell'allegato  1  "Criteri  Ambientali  Minimi  per  l'

L'affidamento di servizi di  progettazione  e  lavori  per  la  nuova

costruzione, ristrutturazione e manutenzione  di  edifici  e  per  la

gestione dei cantieri della  pubblica  amministrazione"  del  decreto

                  ministeriale del 24 dicembre 2015

                  (G.U. n. 16 del 21 gennaio 2016).


              Parte di provvedimento in formato grafico


                                                           Allegato 3

Piano d'azione per  la  sostenibilita'  ambientale  dei  consumi  nel

               settore della Pubblica Amministrazione

                               ovvero

        Piano d'Azione Nazionale sul Green Public Procurement

                              (PANGPP)

   CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER LE FORNITURE DI PRODOTTI TESSILI

(aggiornamento dei CAM per l'acquisto di prodotti tessili, Allegato 1

                      del DM 22 febbraio 2011)


              Parte di provvedimento in formato grafico

 

 

 

Allegati

D.M. 11 gennaio 2017
Allegato 1
Allegato 2
Allegato 3

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here