Agenti chimici e testo unico sicurezza

La modifica all’allegato XXXVIII al decreto legislativo n. 81/2008 dopo la promulgazione  del decreto interministeriale 18 maggio 2021. Ancora una volta sotto i riflettori la delicata disciplina sugli agenti chimici contenuta nel testo unico della sicurezza sul lavoro. Nonostante i passi avanti sul piano della prevenzione in merito agli agenti chimici, la situazione, in Italia e in Europa, è ancora critica. Ciò anche in ragione sia del quadro evolutivo delle nuove conoscenze tecnico-scientifiche sui danni alla salute e all’ambiente che alcune di esse sono in grado di provocare sia della preoccupante tendenza delle denunce di malattie professionali che, a livello europeo, dà vita a un quadro a dire il vero sempre meno rassicurante. Basti pensare che, secondo i dati diffusi dall’Inail, solo nel nostro Paese le malattie professionali denunciate nel 2020 sono state 44.955, in diminuzione del  26,6% rispetto alle 61.201 del 2019 - ma su ciò pesa fortemente la pandemia – mentre invece le denunce protocollate nel primo quadrimestre del 2021 sono state 18.629, ossia 3.861 in più rispetto allo stesso periodo del 2020 (+26,1%), con un fetta importante costituita da tumori. CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Abbonati Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza e hai già effettuato l’accesso al sito?
Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

Sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti della banca dati riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome