Quali impatti pratici potranno avere le modifiche inserite dalla legge di revisione 11 febbraio 2022, n. 1, per l’attività delle imprese e i contenziosi ambientali che le riguardano? Sul tema un'analisi a firma di Luciano Butti, of Counsel di B&P Avvocati

L'ambiente nella Costituzione: quali saranno le ricadute pratiche?

 

La riforma

Per la prima volta nella storia repubblicana, con la legge costituzionale 11 febbraio 2022, n. 1, sono stati apportati cambiamenti a uno dei primi e fondamentali articoli della Costituzione, ovvero l’art. 9. La modifica, che ha interessato anche l’art. 41, è finalizzata, soprattutto, a inserire nella “Carta” riferimenti diretti alla tutela ambientale e a profili a essa collegati, come la biodiversità, gli ecosistemi, l’interesse delle future generazioni e la tutela degli animali.

Si tratta di vere innovazioni o di modifiche solo linguistiche che si limitano a mettere in ordine indirizzi interpretativi già emersi in precedenza? E, soprattutto, quali impatti pratici potranno avere le modifiche costituzionali per l’attività delle imprese e i contenziosi ambientali che le riguardano?

Se sei abbonato ad Ambiente&Sicurezza leggi il dettagliato commento di Luciano Butti, of Counsel di B&P Avvocati. Se non sei abbonato, scarica l'articolo cliccando sui pulsanti qui sotto.

Scarica gratis l'Approfondimento del mese

 

Le novità dell'articolo 9...

La riforma dell'articolo 9 ha coinvolto:

  • la tutela di ambiente, biodiversità ed ecosistemi;
  • l’interesse delle future generazioni;
  • la tutela degli animali.

 

...e quelle dell'articolo 41

Le modifiche all’art. 41 riguardano i limiti da riconoscere alla «iniziativa economica privata» e all’«attività economica pubblica e privata», nel segno del recepimento degli orientamenti della giurisprudenza costituzionale che da tempo insistono sulla natura «primaria e assoluta» del valore ambientale.

 

Scarica gratis l'Approfondimento del mese

 

L’approfondimento

Obiettivo del commento, a firma di Luciano Butti, of Counsel di B&P Avvocati, è quello di esaminare la portata innovativa della modifica costituzionale, segnalando – in particolare – i profili per i quali le nuove norme si limitano a codificare orientamenti già emersi nella giurisprudenza anche costituzionale e quelli, invece, dove ci si deve aspettare importanti novità in sede applicativa. L'articolo chiude con un'analisi del riparto di competenze fra stato e regioni per la tutela dell’ambiente, con un inciso sulla clausola di salvaguardia per Regioni a statuto speciale e Province autonome.

 

Scarica gratis l'Approfondimento del mese

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome