Rischi delle attività in quota: i criteri di valutazione

Rischi delle attività in quota: i criteri di valutazione. La tutela dell’integrità fisica dei prestatori d’opera nel settore del lavoro in quota era inizialmente disciplinata dal D.Lgs. n. 235/2003, di recepimento della direttiva 2001/45/Ce, dal 19 luglio 2005, nell’ottica di una riduzione al minimo dei rischi professionali in ambiente di lavoro. Questo obiettivo della «eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico», costituisce per vero una delle misure generali di tutela previste dall’art.

Registrati

Registrati per accedere ai contenuti riservati

Registrati qui!

Sei già registrato? Accedi per sbloccare i contenuti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome